Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cultura il 04/08/2015 da REDAZIONE REGIONALE

TEATRO FRANCO ZAPPALA´ - FESTIVAL DELL’OPERETTA AL TEATRO DI VERDURA

TEATRO
“AL CAVALLINO BIANCO” OPERETTA di Ralph Benatzky
Palermo 4 luglio 2015 - A grande richiesta, nell’ambito delle manifestazioni estive che si terranno al TEATRO DI VERDURA, torna ad agosto con la direzione artistica del M° Franco Zappalà, il FESTIVAL DELL’OPERETTA.

L’evento assume una notevole importanza proprio perché è portata in scena da una delle pochissime compagnie, forse l’unica, del Sud Italia che ancora rappresenta un genere ormai considerato desueto ma che comunque ripercorre la storia del Teatro dalla fine dell’800 agli anni ‘30 e di cui non bisognerebbe perdere memoria considerato il valore dei suoi autori e la divulgazione che fino agli anni 70 era attuata dalle reti televisive nazionali; tutti infatti conoscono le arie più celebri delle operette più famose.
La Compagnia di Operette operante in seno al Teatro Franco Zappalà riunendo un numeroso cast d’eccellenza, proporrà tre titoli tra i più famosi del genere operettistico e ripercorrerà nell’incantevole cornice del più amato teatro all’aperto della città di Palermo, la magia delle storie e delle musiche di autori come R. Benatsky, F. Lehar e C. Lombardo.
Si comincia in grande stile l’8 agosto alle 21,30, con un titolo famosissimo e per questo conosciuto anche da chi non è avvezzo al genere: “AL CAVALLINO BIANCO” di Ralph Benatzky, dal libretto di H. Müller e E. Charell.
Oggi, in Europa, ”Al Cavallino Bianco”, per popolarità può competere esclusivamente con “La Vedova Allegra”, che seguirà a questo spettacolo, il 20 agosto. Lo conferma il fatto che, senza risalire alle numerosissime sue ricomparse sulle scene fra le due guerre, il brillante spettacolo è ancora oggi rappresentato, nei più importanti teatri d´Europa. di fronte a plateee sempre del tutto esaurite.
Come tutti i grandi successi teatrali, anche quello de “Al Cavallino Bianco” ha la sua piccola storia, legata in gran parte alla curiosa singolarità che la sua musica, pur firmata da Ralph Benatzky, in realtà è dovuta a ben cinque compositori. E’ questa particolarità che la rende così fresca, varia e gioiosa.
“Al Cavallino Bianco” è una allegra satira della villeggiatura presso i laghi d’alta montagna degli austriaci del secolo scorso, allietata da marce folkloristiche e ritmi sincopati, quadri di elegante spettacolarità e colpi di scena, una girandola di amori, che scompigliano le previsioni e i desideri iniziali ma che portano all’immancabile lieto fine e al coinvolgimento di tutti i simpatici personaggi del palcoscenico e degli spettatori in platea.
La trama di questa famosa operetta è effervescente e spumeggiante: La scena è ambientata in Austria, dove è sito l´Hotel “Al Cavallino Bianco”. Il primo cameriere dell´Hotel, Leopoldo interpretato dal tenore Domingo Stasi ama la bella proprietaria Gioseffa, il soprano Anita Venturi che però non lo degna di uno sguardo perché rivolge tutte le sue attenzioni ad un cliente italiano, l´avvocato Giorgio Bellati interpretato dal tenore Edoardo Guarnera. Per distrarla dall’avvocato e trarla a sé Leopoldo, non solo maltratta Bellati ma lo spinge anche verso le braccia della dolce Ottilia, il soprano Elisabetta Giammanco, della quale dopo gli iniziali equivoci Bellati se ne innamora davvero. La ragazza è figlia del ricco industriale veneziano Zanetto Pesamenole, ruolo del poliedrico attore Paolo La Bruna. Padre e figlia sono in vacanza nel Salzkammergut perché l’uomo vuole distrarsi dai problemi che gli provoca una causa pendente con un certo Attila Cogoli, ricco industriale padovano che nel frattempo manda “al Cavallino Bianco” suo figlio Sigismondo, ruolo del già noto e amato attore comico e cantante e per l’occasione anche regista, Alessandro Brachetti, con la speranza che si innamori di Ottilia, in modo da finire, con un matrimonio, la causa con Pesamenole. Sigismondo invece farà coppia fissa con Claretta, l’amatissima soubrette Silvia Felisetti, La ragazza è poverissima, ha buffi difetti di pronuncia, ed è accompagnata dal padre, il professor Hinzelmann, buffo personaggio interpretato da Ivano Falco.
Quanto commesso da Leopoldo, fa infuriare Gioseffa che lo caccia dall’albergo, quest’ultimo però con un bizzarro stratagemma, fa in modo che il Prof. Hinzelmann fingendo di essere l’arciduca Francesco Giuseppe, sosti per una notte “al Cavallino Bianco” cosicché Gioseffa, per ringraziamento, dovrà riassumerlo.
Coop.va “Figli D’arte Franco Zappalà”
TEATRO FRANCO ZAPPALA’
dal 1938… La Storia del Teatro in Sicilia
Via Autonomia Siciliana 123/A – 90143 PALERMO
TEL 091/543380 – 091 362764
Sarà proprio dopo la visita del finto arciduca che Gioseffa capirà che l’uomo che fa per lei in realtà l’ha già
trovato da tempo ed è proprio Leopoldo.
Tre matrimoni chiudono la storia: Ottilia e Bellati, Sigismondo e Claretta, Gioseffa e Leopoldo, che resterà
al "Cavallino Bianco" con la sua amata Gioseffa.
Dirige l’Orchestra dei professori del Teatro Franco Zappalà, per questa produzione, il giovane e
talentuosissimo M° Alberto Maniaci, le coreografie del corpo di ballo che arricchiscono lo spettacolo
sono di Giuseppe Minnella, e la regia di Alessandro Brachetti.
Gli allestimenti scenici sono di Giovanni Vallone coadiuvato da Jalal Mousa Mohammad Aboukush,
i costumi di Domenica Alaimo, audio di Giovanni Russo, luci di Francesco Di Gesù.
Dopo “Al Cavallino Bianco” il FESTIVAL DELL’OPERETTA dà appuntamento il 20 agosto con “La
Vedova Allegra” e il 25 agosto con “Cin ci là”: occasioni imperdibili
I biglietti per ciascun´operetta avranno i seguenti costi:
POLTRONISSIMA € 25,00
POLTRONA € 20,00
DISTINTI € 15,00
TRIBUNA NON NUMERATA € 10,00
Il Teatro di Verdura si trova in V.le del Fante 70, Palermo.
Per informazioni Teatro Franco Zappalà, Via Autonomia Siciliana 123/a, Palermo dal lunedì al
sabato dalle 9,00 alle 13,30 e dalle 16,00 alle 19,30 e la domenica dalle 10,00 alle 13,00 e dalle 17,00
alle 19,00. Tel. 091 362764 - 091 543380
Teatro Franco Zappalà

 

ALTRE NOTIZIE

FONDAZIONE PRADA PRESENTA “HUMAN BRAINS”, UN PROGETTO MULTIDISCIPLINARE DEDICATO AGLI STUDI DEL CERVELLO
Fondazione Prada ha intrapreso dal 2018 un percorso multidisciplinare di approfondimento e studio di temat...
Leggi tutto
RINASCENTE, CONFCOMMERCIO PALERMO SCRIVE A INARCASSA E FABRICA IMMOBILIARE: “DISPONIBILI A UN CONFRONTO PER SCONGIURARE LA CHIUSURA. FACCIAMO APPELLO AI VALORI STATUTARI DI INARCASSA”
RINASCENTE, CONFCOMMERCIO PALERMO SCRIVE A INARCASSA E FABRICA IMMOBILIARE: “DISPONIBIL...
Leggi tutto
Asp Trapani - tamponi Pantelleria
Coronavirus, 764 tamponi eseguiti su abitanti Pantelleria, 12 i casi di positività
Leggi tutto
Giornata internazionale delle Nazioni Unite 2020
Il 24 ottobre ricorre la Giornata internazionale delle Nazioni Unite. In tale giorno nel lontano 19...
Leggi tutto
Trapani, conferenza dei sindaci Asp sul coronavirus Venuti: "Salemi coinvolta contro il Covid, ecco le criticità"
"Bene la convocazione di una conferenza dei sindaci per affrontare i nodi del contrasto al coronavirus in provincia di Trapani, peccato che sia stato ...
Leggi tutto
A TRAPANI un mega parco fotovoltaico da 70 ettari promosso da Agenzia del Demanio Statale, Cassa Depositi e Prestiti ed ENI.
Ieri a Palazzo d’Alì, presieduta da Giuseppe Guaiana Presidente del Consiglio Comunale, si è svolta la Conferenza dei capigruppo consili...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web