Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cultura il 10/07/2015 da REDAZIONE REGIONALE

FAVIGNANA - ALDO CAZZULLO ´Possa il mio sangue servire´ UOMINI E DONNE DELLA RESISTENZA

FAVIGNANA
Un nuovo libro «vero e pieno di vita» ci conduce al cuore della
Resistenza. Storie di quotidiano eroismo che ci costringono a
interrogarci sul nostro presente.
«La Resistenza è un patrimonio che appartiene alla nazione. Forse
è arrivato il momento di raccontare la grande storia attraverso le
piccole storie».
La Resistenza a lungo è stata considerata solo una “cosa di sinistra”: fazzoletto
rosso e Bella ciao. Poi, negli ultimi anni, i partigiani sono stati presentati come
carnefici sanguinari, che si accanirono su vittime innocenti, i “ragazzi di Salò”.
Entrambe queste versioni sono parziali e false. La Resistenza non è il
patrimonio di una fazione; è un patrimonio della nazione. Aldo Cazzullo lo
dimostra raccontando la Resistenza che non si trova nei libri. Storie di case che
si aprono nella notte, di feriti curati nei pagliai, di ricercati nascosti in cantina,
di madri che fanno scudo con il proprio corpo ai figli. Le storie delle suore di
Firenze, Giuste tra le Nazioni per aver salvato centinaia di ebrei; dei sacerdoti
come don Ferrante Bagiardi, che sceglie di morire con i suoi parrocchiani
dicendo «vi accompagno io davanti al Signore»; degli alpini della Val Chisone
che rifiutano di arrendersi ai nazisti perché «le nostre montagne sono nostre»;
dei tre carabinieri di Fiesole che si fanno uccidere per salvare gli ostaggi; dei
600 mila internati in Germania che come Giovanni Guareschi restano nei lager
a patire la fame e le botte, pur di non andare a Salò a combattere altri
italiani. La Resistenza fu fatta dai partigiani comunisti, ma anche da quelli
cattolici, monarchici, autonomi. E fu fatta dalle donne, dai fucilati di Cefalonia,
dai bersaglieri. La Resistenza ha avuto le sue pagine nere, che vanno
raccontate, come fa anche questo libro; così come racconta le atrocità spesso
dimenticate dei nazisti e dei fascisti. La storia è scandita dalle voci dal lager e
dalle lettere dei condannati a morte, certi che dal loro sacrificio nascerà
un’Italia migliore. A 70 anni dalla liberazione, mentre i testimoni se ne stanno
andando, è giusto salvarne la memoria e raccontare ai giovani cos’è stata
davvero la Resistenza, e di quale forza morale sono stati capaci i nostri padri.

 

ALTRE NOTIZIE

Libri dell’altro mondo: quanto e cosa leggono gli italiani tra best-seller e traduzioni

Leggi tutto

Infiorata di Noto 2021, la scalinata di via Dante Alighieri “dedicata” al Paradiso
E’ cominciata la lunga settimana che ci porterà alla 42^ edizione dell’Infiorata di via Nicolaci. Come da tra...
Leggi tutto
Cuzzupi: la scuola deve ripartire con realismo e dai territori
Il Segretario Nazionale anticipa la presentazione di nuove proposte per la scuola L’UGL Scuola, ritenendo d’assoluta importanza il confronto e la pr...
Leggi tutto
Palermo, partono i lavori miglioramento per il Castello della Zisa, San Giovanni degli Eremiti e il Chiostro di Monreale
L´Assessore Samonà: ´´Opere che migliorano la funzionalità e la capacità di accogliere i visitatori´&acut...
Leggi tutto
Festa della Mamma, Associazione Nazionale di Azione Sociale: Partorire in tempo di pandemia, un make up per le mamme e una porzione di dolcezza ai bambini
Le donne che hanno partorito durante l’ultimo anno hanno risentito degli effetti della pandemia: da un lato per il timore di contrarre il virus in osp...
Leggi tutto
Festa della Mamma 2021, Associazione Nazionale di Azione Sociale: Un “Trucco per Stare Meglio”
Domenica, 9 Maggio 2021 sarà la festa della mamma, una ricorrenza laica diffusa in tutto il mondo, in quanto ...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web