Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Sport il 28/06/2015 da REDAZIONE REGIONALE

LA MINI DI AL-ATTIYAH INSEGUITA DALLE TOYOTA

LA
Pronostico rispettato al termine della prima tappa dell’Italian Baja, la corsa mondiale dei fuoristrada in corso di svolgimento a Pordenone. Il favorito della gara auto, Nasser Al-Attiyah con la Mini All4 Racing, è in testa alla classifica provvisoria con un vantaggio di 45’’ su Reinaldo Varela al volante di una Toyota Hilux Overdrive. Terzo il russo Alexsandr Zheludov su altra Toyota Hilux staccato di 1´18’’. Solo quarto il leader della classifica di Coppa del Mondo FIA, Vladimir Vasilyev con un’altra Toyota Overdrive, a 1’48’’. Primo degli italiani l’alfiere ufficiale di Suzuki Italia, Lorenzo Codeca, ottavo assoluto con il Grand Vitara.
SPETTACOLO AI SALTI
Nel primo giro sul settore selettivo “San Lorenzo” di 85 km, graffio del brasiliano Varela in 1:00’03’’ precedendo Vasilyev di 36’’ e Zheludov di 44’’. Toyota Hilux nelle prime tre posizioni e Al-Attiyah solo sesto a 1’25’’ con una partenza prudente per non rischiare nulla, visto e considerato che sui guadi di Cosa e Tagliamento non ci andava da quando vinse l’Italian baja nel 2008. Tanto pubblico nei punti più spettacolari della corsa, “Rauscedo Jump” e “Valvadrom”, con balzi prodigiosi di chi ha avuto il coraggio di tener giù il piede. Divisi da soli 21’’ Codecà e Miki Biasion su Tecnosport Vm. Nel secondo passaggio hanno abbassato tutti vistosamente il proprio tempo, in particolare Al-Attiyah che firmando un ottimo 56’43’’ si è ripreso il comando della gara davanti a Varela, Zheludov e Vasilyev. Ancora una Toyota in quinta posizione, quella del polacco Marek Dabrowski, precedendo il ceco Miroslav Zapletal e il lituano Benediktas Vanagas. Ottavo Codecà rafforzando la sua leadership tricolore davanti a Elvis Borsoi (Ford Raptor), mentre guai meccanici hanno stoppato Riccardo Colombo (Mitsubishi L200) e fortemente arretrato Biasion (motore) e Trentin (ancora frizione).

Ruoso vs Cominotto, duello friulano tra le moto
Due biker friulani in fuga e il sapore di una rivincita dopo l’esito 2014. Stavolta è Alessandro Ruoso a menare le danze con la sua Yamaha 450 Yz griffata Sport Image, il più veloce in entrambi i passaggi sul settore selettivo San Lorenzo (55’55’’ e 55’18’’), mentre Vanni Cominotto in sella a una Husqvarna Te 450 si è accodato nel primo giro a 52’’ e nel secondo a 18’’. Distacchi impietosi per gli avversari stranieri, che però non hanno la loro familiarità con il tracciato sul greto dei fiumi.

Rayczyk senza rivali
Dominio del polacco Damian Rayczyk (Yamaha Yfz 450), sempre davanti a tutti fin dal prologo di ieri quando il connazionale Jaroslaw Kalinowski (Ktm 525 Xc) si è preso comunque oltre 30’’ di distacco. Oggi Rayczyk ha affondato i colpi tanto che il francese Didier Crochat è secondo a oltre un quarto d’ora.
The Mini of Al-Attiyah closely followed by three Toyota

The first Leg of the Italian Baja confirmed the predicted results. The favorite car driver of the World Cup for Cross Country Rallies, Nasser Al-Attiyah, leads the race with his Mini All4 Racing, with a gap of 45” on Reinaldo Varela with his Toyota Hilux Overdrive. Third position gained by the Russian Alexandrs Zheludov, driving another Toyota Hilux, who reached the final line with a gap of 1’18”. The leader of the FIA World Cup rank Vladimir Vasilyev, reaches just the fourth position with another Toyota Overdrive , after a gap of 1’48”. The official representative of the Suzuki Italia, Lorenzo Codecà, takes the lead and gains the 8th position in the Overall Rank with the Grand Vitara.
SPECTACULAR JUMPS
The Brazilian Varela signed the first Leg of the Selective Section “San Lorenzo”, 85 km long, with a time of 1:00’03”, realizing a gap of 36” ahead on Vasilyev and 44” on Zheludov. The first three positions are seized by the Toyota Hilux, while Al-Attiyah reached just the sixth position because of a careful start, in order not to ruin the final result as the last time he faced the fords of the Cosa and Tagliamento riverbeds was in 2008. Many spectators framed the most spectacular points along the track, “Rauscedo Jump” and “Valvadrom”, where dazzling jumps have been realized by the bravest competitors. A gap of just 21” separates the result of Codecà by the one got by Miki Biasion with Tecnosport Vm. On the second Leg everybody got a better time, above all Al-Attiyah who crossed the final line with the time of 56’43”, assuring himself the lead ahead on Varela, Zheludov and Vasilyev. Another Toyota seizes the fifth position, it deals on the Polish Marek Dabrowski, ahead on the Czech Miroslav Zapletal and the Lithuanian Benediktas Vanagas. The eight position is seized by Codecà, who maintains his Italian leadership ahead on Elvis Borsoi (Ford Raptor), while mechanical troubles stopped Riccardo Colombo (Mitsubishi L200) and widened the gap of Biasion (engine problems) and Trentin (steering troubles).

Ruoso vs Cominotto, duel between the local bikers
The escape of the two local bikers sounds as a revenge after the result obtained in 2014. This time it is Alessandro Ruoso to lead the dance with his Yamaha 450 Yz by Sport Image, who resulted to be the fastest in both passages of the Selective Sectors San Lorenzo (55’55” and 55’18”), while Vanni Cominotto, riding a Husqvarna Te 450, got a gap of 52” in the first lap and of 18” in the second one. Foreign challengers are left in the dust, also because they are not used to riverbeds’ track yet.

Rayczyk defeats all challengers
The Polish Damian Racyczyk (Yamaha Yfz 450)moved into the lead since yesterday’s prologue, when his compatriot Jaroslaw Kalinowski (Ktm 525 Xc) reached the arrival line with a gap of over 30”. Racyczyk realized today even a wider gap over the French Didier Crochat, who came to the arrival line over 15 minutes later.

 

ALTRE NOTIZIE

Cuzzupi (UGL Scuola): “Mettano tutti i piedi per terra e si smetta di vender fumo!”
Un vecchio detto cita “l’inferno è lastricato di buoni propositi” e mai come in questo momento tali parole riflettono la situazione della scuol...
Leggi tutto
Società Canottieri Marsala: Vittorio Lentini vince il trofeo di vela Optisud, nella categoria Cadetti
Dopo le due tappe di Crotone e Formia, lo scorso weekend si è svolta a Roseto degli Abruzzi la terza e ultima tappa del Trofeo Optisud 2021, ri...
Leggi tutto
Domenica 16 maggio l’affiliata Anas SASS Puglia protezione civile ha ricevuto un Defibrillatore dal Leo Club – Palo del Colle Auricarro
L´Associazione di Volontariato Specializzato SASS - Servizi Ausiliari Security & Safety (Protezione Civile OdV) affiliata ANAS, operante da ...
Leggi tutto
CASTELVETRANO. MINACCIA DI SFONDARE LA PORTA DI CASA DELL’EX MOGLIE: I CARABINIERI LO ARRESTANO
I Carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia di Castelvetrano hanno arrestato S.V., cl.71, castelvetranese gravato da precedenti di polizia...
Leggi tutto
Michela Cupini è il nuovo comandante della polizia municipale di San Vito Lo Capo
Questa mattina il sindaco, Giuseppe Peraino, ha nominato Michela Cupini nuovo comandante della polizia municipale del Comune di San Vito Lo Capo. C...
Leggi tutto
San Vito Lo Capo: +50% di suolo pubblico gratis Il sindaco: un altro passo per favorire la ripresa delle attività economiche
Con l´ingresso della Sicilia in "zona gialla", l´amministrazione comunale di San Vito Lo Capo ha deciso che dal 17 maggio al 24 ottobre 20...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web