Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Sport il 03/03/2015 da Gabriele Li Mandri

Roma-Juventus 1-1: un pareggio che non cambia la sostanza

Roma-Juventus
Il posticipo di extra-lusso della venticinquesima giornata termina 1-1: un pareggio che non cambia la sostanza e neanche la costanza di due squadre che, nel bene e nel male, confermano quanto visto negli ultimi due mesi. Uno scudetto che per i bianconeri è quasi una certezza, mentre per i giallorossi era semplicemente una speranza appesa al sottilissimo filo dello scontro diretto, unica via per avvicinarsi a -6: alla fine, come dicevamo, a prevalere è stata l’abitudine della Juve a segnare anche quando gioca male, alla prima occasione buona, e l’abitudine della Roma a perdersi in un bicchiere d’acqua, salvo poi tirar fuori il cuore quando oramai servirebbe ben altro.

“Una partita che non ha offerto un granché di spettacolo”, le parole di Piccinini al 93esimo minuto: mero eufemismo per dire che la partita è stata brutta, condotta a ritmi giurassici, con errori sparsi qua e là e terminata con un pareggio figlio di due calci piazzati regalati da due interventi gratuiti di Torosidis (espulso) e di Chiellini. D’altronde, oggi, solo così la palla poteva finire in rete: rotolando con una prodezza di Tevez su punizione, o con il classico gollonzo di testa su improvvise allucinazioni difensive, come nel caso di Keita. È lo specchio del calcio italiano, che anche nella sua partita di cartello, quella che dovrebbe rappresentare l’eccellenza, zoppica paurosamente facendoci rimpiangere il nostro passato calcistico.

Non potrebbe essere altrimenti se in campo l’unico che regala qualcosa che si avvicini al calcio è un certo Pereyra, ottimo giocatore per carità, ma di certo non un mister 80 milioni. Quando poi il primo tiro nello specchio arriva al minuto 50 (appunto, col gol di Tevez), ed i portieri si ritrovano a giocare la sfera praticamente solo di piede sui rinvii, allora si capisce che non è la serata giusta per sognare un match cattivo d’altri tempi, con gol a ripetizione e magliette purgatorie varie ed eventuali.

Non ci sarebbe molto altro da aggiungere, una partita del genere non meriterebbe neanche più di un trafiletto, ma ad essere onesti non si può ridurre tutto al semplice risultato. Perché la Roma sta diventando il terzo mistero di Fatima, giunta all’ennesimo pareggio e agli annunci su Porta Portese in stile “A.A.A. cercasi identità di gioco smarrita nei pressi del Foro Italico”, e la Juve invece, nonostante uno scudetto praticamente vinto ed il fresco 2-1 contro il Borussia, sta vantando un crollo fisico paragonabile, ad essere gentili, agli svenimenti dopo 10 ore filate di sauna.

Ritrovarsi in vantaggio, per giunta con espulsione a favore, e farsi rimontare da una Roma innocua per 80 minuti non è effettivamente da tutti, così come non è da tutti cercare di riafferrare un campionato scendendo in campo in un clima di lutto nazionale. Questo è quello che passa il convento italiano, in attesa di tempi (e magari anche di concorrenti) migliori.

Gabriele Li Mandri



Commenti
05/03/2015 - Infatti i tifosi allo stadio non ci vanno quasi più, se non gli irriducibili, quelli delle piazze più focose (Napoli, Palermo) o quelli che si possono godere un impianto moderno (Juve).. per quanto riguarda gli stipendi: non c´è sport senza interessi economici, ma questo da 150 anni, quindi se si vuole tifare.. lo si deve fare sapendo che mai cambierà qualcosa (Gabriele)
03/03/2015 - sempre puntuale e vero il commento del suddetto giornalista ma girano troppi troppi e ancora troppi soldi guadagnare si e tanto per i piu forti ma no a questi livelli vergogna i tifosi fanno sacrifici e non solo significa offendere chi non ce la fa a sbarcare il lunario tutti ma proprio tutti lo dicono ma poi come sempre nel dimenticatoio amo il calcio ma che schifo (roberto)

 

ALTRE NOTIZIE

Sicilia, imprese edili in grave difficoltà. La burocrazia regionale ritarda nei pagamenti delle fatture
La macchina burocratica lenta della Regione Sicilia sta mettendo in ginocchio il comparto edile. Totalmente ingolfata nel periodo della pandemia a cau...
Leggi tutto
VENERDI’ E DOMENICA NELLA SEDE DI “CAMPAGNA AMICA” VACCINAZIONI PER GLI IMMIGRATI
Venerdì e domenica prossimi, 18 e 20 giugno, nei locali del mercato “Campagna Amica” in via Verdi si potranno vaccinare gli immigrati presenti ...
Leggi tutto
Pantelleria e Salina unici Comuni siciliani nella guida ´Il Mare più bello´ con il massimo dei voti
Anche quest´anno Pantelleria viene premiata da Legambiente e Touring Club Italiano con la Bandiera a Cinque Vele, riconoscimento attribuito ai c...
Leggi tutto
CONFCOMMERCIO PALERMO, NOMINATI DUE VICE PRESIDENTI: SONO ALESSANDRO DAGNINO E FABIO GIOIA
Alessandro Dagnino e Fabio Gioia sono i due nuovi vice presidenti di Confcommercio Palermo. La nomina è stata approvata all’unanimità da...
Leggi tutto
CONFCOMMERCIO PALERMO, NOMINATI DUE VICE PRESIDENTI: SONO ALESSANDRO DAGNINO E FABIO GIOIA
Alessandro Dagnino e Fabio Gioia sono i due nuovi vice presidenti di Confcommercio Palermo. La nomina è stata approvata all’unanimità da...
Leggi tutto
MAZARA DEL VALLO. TENTA LA FUGA A BORDO DI BICICLETTA RUBATA: ARRESTATO DAI CARABINIERI LADRO SERIALE
I Carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia di Mazara del Vallo hanno arrestato M.R., cl.99, un cittadino tunisino pregiudicato, in Italia...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web