Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Sport il 18/09/2017 da Direttore

Cubeda agguanta il podio alla 59^ Monte Erice

Cubeda
-Un super weekend di risultati sportivi ha salutato l´impegno casalingo del Tricolore Montagna della Cubeda Corse alla 59^ Monte Erice, dove la compagine siciliana è stata grande protagonista con i propri portacolori Cubeda e Aragona. Nella prima "finale" e decimo round del Campionato Italiano Velocità Montagna, Domenico Cubeda ha ancora una volta battagliato nelle posizioni di vertice e colto il secondo podio tricolore consecutivo dopo quello di Gubbio al volante dell´Osella Fa30 Zytek preparata da Paco74 Corse e dal motorista Armaroli.

Il driver catanese ha disputato un fine settimana ad alto tasso adrenalinico e con tempi di notevole profilo è di nuovo salito sul secondo gradino del podio, risultato particolarmente gradito non solo per gli ulteriori progressi mostrati al volante del prototipo monoposto da 3000cc su un tracciato tra i più complessi come quello di Erice, ma anche per il fatto di averlo colto davanti al pubblico e ai tifosi siciliani. Cubeda, che ha concluso le due salite di gara con il tempo totale di 5´53"47 ha così commentato dopo la cerimonia di premiazione: "Un podio del genere nella mia Sicilia non può che farci sorridere. Sono contento di risultato e riscontri cronometrici. Stiamo cercando di progredire il più velocemente possibile su questa vettura ma senza uscire dai limiti, dobbiamo ancora fare esperienza. Quanto fatto finora in appena sei gare dimostra ampiamente che siamo sulla strada giusta. Anche a Erice abbiamo fatto un positivo lavoro di messa a punto a ogni salita ed è così che dobbiamo continuare, senza strafare, puntando tutto sulla concretezza".

Con la squadra etnea diretta da Sebastiano Cubeda, il papà di Domenico, a Erice ha sapuo di nuovo mettersi in mostra anche Giuseppe Aragona. Il pilota cosentino di Villapiana residente in Puglia è ormai una certezza nel CIVM e in gruppo E1 ha "viaggiato" su grandi performance al volante della "piccola" Peugeot 106, con la quale ha sfidato perfino i rivali con cilindrate più potenti, cogliendo un clamoroso terzo posto di gruppo, e dunque un podio davvero prezioso, oltre alla vittoria nella classe E1-1600, allungando ulteriormente nella classifica della Coppa di classe. Breve ora la pausa dell´Italiano Montagna, che resta in terra siciliana perché già il prossimo weekend (22-24 settembre) è in programma un´altra grande classica, la 63^ Coppa Nissena.

 

ALTRE NOTIZIE

100 STUDENTESSE PER IL FUTURO DEL SUD ITALIA
100 STUDENTESSE PER IL FUTURO 
DEL SUD ITALIA
GIORNO DELLA MEMORIA 2021: Cori partecipa alla diretta streaming da Auschwitz
Quest´anno, a causa della pandemia, non potrà aver luogo la tradizionale visita istituzionale dell´Amministrazione Comunale alla ge...
Leggi tutto
ALCAMO: 45° ANNIVERSARIO DELLA STRAGE DI ALCAMO MARINA
L’Arma dei Carabinieri, anche quest’anno in cui ricorre il 45° anniversario in ricordo dell’Appuntato Salvatore F...
Leggi tutto
Giornata della memoria 2021
Il Coordinamento Nazionale dei Docenti della disciplina dei Diritti Umani in occasione della Giornata dell...
Leggi tutto
On. Assenza: "Approvare il ddl anti cyber bullismo è priorità"
Assenza: "Approvare il ddl anti cyber bullismo è priorità" Sulla stessa linea il Garante per l´infanzia, D´andrea, e la refe...
Leggi tutto
Scuola e famiglia: con la pandemia è nata una nuova alleanza che va ora rafforzata.
Scuola e famiglia: con la pandemia è nata una nuova alleanza che va ora rafforzata. La riflessione nella due giorni promossa dall’Ordine degl...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web