Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Un caffè con... il 16/05/2017 da Direttore

Quanto sono interessati gli italiani alle offerte per l’energia elettrica?

Quanto Quanto sono interessati gli italiani a confrontare le tariffe energia elettrica per risparmiare? Sempre di meno, a giudicare dall’ultimo osservatorio sull’energia di SosTariffe.it, che ha analizzato tutti i preventivi effettuati sul portale durante il 2015 e il 2016 sul comparatore di tariffe luce del portale, individuando le differenze a livello regionale nella ricerca di proposte commerciali più vantaggiose.
Il confronto delle tariffe energetiche consente agli utenti di valutare diverse proposte commerciali e di scegliere l’offerta più conveniente secondo il proprio profilo di consumo. Passare al mercato libero dell’energia elettrica scegliendo il proprio fornitore luce è possibile in Italia sin dal 2007, da quando è stato completamente liberalizzato il mercato energetico del nostro Paese. Ciononostante, sebbene le opportunità di risparmio del mercato libero - rispetto alla tariffa a Maggior Tutela - siano evidenti, sono ancora molti gli utenti che preferiscono rimanere con il vecchio fornitore, accettando i prezzi decisi dall’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico (AEEGSI), che vengono aggiornati ogni tre mesi.
Il passaggio al mercato libero è, per ora, opzionale. Tuttavia, è prevista per il 2018 (successivamente rinviato al 2019) la completa abolizione del regime tutelato, che porterà come conseguenza la necessità per tutte le famiglie italiane di dover scegliere la propria tariffa luce tra le diverse proposte sul mercato.
In questo nuovo osservatorio, SosTariffe.it ha cercato di stimare l’interesse degli italiani per il confronto delle offerte per l’energia più vantaggiose rispetto al contratto attivo. A tale scopo sono stati analizzati i confronti effettuati dagli utenti sul comparatore per tariffe energia elettrica (https://www.sostariffe.it/energia-elettrica/) durante il 2015 e il 2016, individuando eventuali differenze mensili e organizzando i dati per regione.
I dati dello studio di SosTariffe.it sui confronti delle offerte energia elettrica sono riassunti in tabella.
In quale periodo dell’anno si cercano offerte per l’energia elettrica?
Come si può vedere dai dati elaborati da SosTariffe.it, la maggior parte delle ricerche di tariffe luce si concentra nei primi mesi dell’anno, sintomo che per gli italiani questo è il periodo più adeguato per individuare un’offerta migliore per l’energia elettrica. Tra gennaio e maggio 2016, infatti, si sono concentrate oltre il 56% di tutte le richieste.
D’altronde, la tendenza a cercare un nuovo fornitore luce durante l’inizio dell’anno è in evidente crescita: nel 2016 le comparazioni per ricercare l’offerta migliore ad aprile sono aumentate di oltre il 56% rispetto all’anno precedente e del 48,9% a maggio.
Questo maggior interesse degli italiani per trovare una tariffa luce vantaggiosa durante i primi mesi dell’anno coincide con un periodo in cui, sia nel 2015 che nel 2016, l’Autorità per l’energia elettrica (AEEGSI) ha deciso di ridurre il prezzo di riferimento dell’elettricità.
Negli aggiornamenti trimestrali di gennaio e aprile dei due anni in studio, in effetti, l’Autorità ha deliberato diminuzioni del prezzo dell’energia, specificamente tra l’1,1% e il 5%. È probabile che, approfittando dei costi in discesa, gli utenti italiani siano stati invogliati a valutare diverse proposte e a capire con quale si potesse risparmiare di più.
Una situazione piuttosto opposta si è verificata invece nel 2015, dove il mese in cui sono stati effettuati la maggior parte dei confronti è stato ottobre. In questo caso, è molto probabile che il maggior interesse da parte degli italiani a cambiare fornitore in quel momento abbia risposto all’aumento sul prezzo dell’elettricità deciso dall’AEEGSI, che nell’aggiornamento di ottobre 2015 è stato pari al +3,4%. Quasi sicuramente questo rincaro, che ricordiamo colpisce soltanto gli utenti in maggior tutela, ha spinto agli italiani a cercare un’offerta più economica sul mercato libero.
In ogni caso, nonostante l’avvicinarsi del probabile obbligo di passare al mercato libero (previsto nel 2019) negli ultimi due anni gli italiani sembrano meno interessati a confrontare offerte energetiche: le ricerche generali per il confronto tariffe luce sono diminuite del 7% in tutta Italia tra il 2015 e il 2016. Questo mancato interesse, come vedremo, rischierebbe di far perdere alle famiglie le numerose opportunità di risparmio presenti sul mercato libero dell’energia.
Tariffe biorarie, in certe regioni poco ricercate
L’introduzione del regime tariffario a fasce orarie da parte dell’Autorità per l’energia nel 2010 ha riscosso un importante successo. Grazie a queste tipologie di offerte biorarie o multiorarie, ricordiamo, è possibile pagare un prezzo più basso per i consumi elettrici effettuati durante la sera dei giorni feriali e durante tutto il giorno nei weekend e in occasione delle festività nazionali. Questa differenziazione dei prezzi rende possibile risparmiare sulla bolletta della luce, spostando la maggior parte dei consumi verso gli orari agevolati.
Tuttavia, col passare degli anni la differenza di prezzi previsti per l’orario di picco e quello agevolato si è ridotta, di conseguenza è diminuito anche il vantaggio ottenibile grazie a questo sistema. Inoltre, in uno studio precedente condotto da SosTariffe.it sulla convenienza delle offerte biorarie, è stato dimostrato che con le tariffe di questo tipo è possibile ridurre le bollette, ma anche che per ottenere un vero risparmio è necessario spostare almeno il 70% dei consumi energetici verso le fasce orarie agevolate.
Quasi con sicurezza, ai nuclei familiari con più componenti o laddove ci sia sempre qualcuno a casa, diventa molto difficile raggiungere quel livello di spostamento dei consumi.
Lo studio di SosTariffe.it ha quindi voluto indagare quanto siano ancora appetibili per gli italiani le tariffe biorarie dell’energia elettrica e se ci siano differenze a livello regionale.
I risultati dimostrano che, a livello nazionale, l’interesse degli italiani per le offerte biorarie dell’energia è in discesa, con un -6% delle ricerche di questo tipo di tariffe tra il 2015 e il 2016.
Tuttavia, ci sono differenze a livello regionale. In Piemonte, ad esempio, gli utenti che hanno ricercato tariffe biorarie nel 2016 sono aumentati del 5,8%, e del 3,24% in Lombardia. Queste sono, in effetti, le regioni più interessate alle offerte multiorarie, insieme al Lazio, al Veneto e alla Toscana, seppur in questi territori la ricerca di queste tariffe sia mediamente scesa tra il 2015 e il 2016. Cresce, invece, l’interesse per le offerte biorarie in Puglia e Friuli-Venezia-Giulia.
Poco interessati, infine, gli utenti di Basilicata, Campania, Sicilia, Liguria e Trentino Alto Adige.
Ripartizione dei consumi: gli italiani la mettono in pratica nel modo giusto?
Per ottenere un risparmio con le offerte biorarie dunque bisogna effettuare una corretta ripartizione dei consumi elettrici: quanto riescono gli italiani a spostare i consumi verso le fasce orarie agevolate?
Risponde a questa domanda sempre SosTariffe.it, che ha analizzato la ripartizione media dei consumi in fascia F1 e F2, dichiarata dagli utenti che si sono interessati alle offerte biorarie nel 2016, organizzando successivamente i dati per regione.
Così, si è visto che gli utenti del Molise sono quelli che possono risparmiare di più con le offerte biorarie della luce, poiché riescono a spostare in media il 72% dei consumi elettrici verso la sera, il weekend o i festivi.
Le tariffe biorarie vanno bene anche per i consumatori della Puglia e della Calabria, che concentrano un 66% e 65%, rispettivamente, dei consumi elettrici nelle ore più convenienti. Poca convenienza invece per i residenti in Umbria, che mediamente riescono a spostare soltanto un 39% dei consumi verso le fasce F1 e F2: a questi utenti convengono sicuramente di più le offerte monorarie della luce.
A chi convengono le tariffe biorarie
Le offerte biorarie prevedono opportunità di risparmio reali e sono ideali per certi profili di consumatori, ovvero:
Per chi vive da solo e passa la maggior parte della giornata in ufficio o università rientrando solo la sera;
Per le coppie o le famiglie che hanno pochi figli, i quali passano gran parte del tempo a scuola;
Per chiunque si abitua a svolgere le faccende domestiche che richiedono l’utilizzo di più elettrodomestici (ad esempio, usando l’aspirapolvere, il ferro da stiro o la lavatrice) durante la sera o il weekend;
Per gli utenti con bassi consumi energetici e che possiedono un numero limitato di elettrodomestici.
Con una buona ripartizione dei consumi sarà possibile risparmiare fino al 12% in bolletta, che per una famiglia tipo (tre componenti, consumi 2.900 kWh/anno) può significare evitare lo sborso di 65 Euro all’anno.
Conviene interessarsi al mercato libero dell’energia
Sulla completa abolizione del mercato tutelato nel 2019 non si hanno ancora tutte le certezze, ma è molto probabile che a partire dall’anno prossimo le famiglie debbano necessariamente scegliere il proprio fornitore luce tra le diverse proposte sul mercato libero.
Quest’obbligo rappresenta anche un vantaggio, tenendo conto che attualmente passare al mercato libero consente di risparmiare fino al 15,5% in bolletta, che per una famiglia numerosa (5 componente, consumi 6.300 kWh anno) può tradursi in una spesa annua ridotta di 191 Euro.
Cambiare il proprio fornitore energetico è una procedura completamente gratuita, a prescindere dall’offerta scelta. Inoltre, non servono modifiche al contatore né agli impianti e la continuità del servizio durante il periodo di transizione tra un gestore e l’altro è garantita dall’Autorità per l’energia.
È possibile, infine, esercitare il diritto di recesso dal contratto firmato entro 14 giorni dalla stipula, senza dover dare nessuna spiegazione né corrispondere alcuna penale o spesa.
I dati sono stati estrapolati da SosTariffe.it grazie allo strumento di comparazione delle tariffe energia elettrica che consente di confrontare le proposte commerciali delle principali compagnie attive in Italia: https://www.sostariffe.it/energia-elettrica/

 

ALTRE NOTIZIE

Vito Figuccio eletto nuovo Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori Edili di ANCE TRAPANI
Vito Figuccio, 38 anni, sposato con 2 figli, in data 19 maggio 2018, è stato eletto Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori Edili dell’Assoc...
Leggi tutto
«Irredimibile Sicilia?» È in uscita il nuovo saggio di Fabrizio Fonte
«È veramente irredimibile la Sicilia? Si chiede Fabrizio Fonte lungo le pagine del saggio edito dalla Solfanelli. Ultima tra le regioni europee in ter...
Leggi tutto
Marsala il “Murale della Legalità”. Tappa del progetto “Rigeneriamoci”
Inaugurato a Marsala il “Murale della Legalità”. Tappa del progetto “Rigeneriamoci” - promosso dall´Amministrazione comunale, le Scuole del ter...
Leggi tutto
L’istituto Comprensivo Dante Alighieri di Valderice ha promosso la giornata della legalità in ricordo delle vittime innocenti delle mafie
L’istituto Comprensivo Dante Alighieri di Valderice ha promosso la giornata della legalità in ricordo delle vittime innocenti delle mafie ed i...
Leggi tutto
“Il mio canto libero”: tutto pronto per il concerto dell’I.C. “Stefano Pellegrino”
“Il mio canto libero”, canzone di Lucio Battisti divenuta manifesto di pace e libertà è il leitmotiv del concerto finale dell’Istituto c...
Leggi tutto
Paceco, premio letterario con il cantastorie Peppino Castro
Il cantastorie Peppino Castro si esibirà domani pomeriggio, nella sala conferenze della Biblioteca comunale di Paceco, in occasione della prima...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

GERARD su Prestiti senza busta paga, alcune opportunità:
offrono prestiti tra particolare Avete bisogno di un prestito?   Rufus la banca per voi Un prestito, noi siamo qui per aiutarvi finanziariamente, Per il vostro prestito immediato qualsiasi importo In qualsiasi destinazione. La vostra felicità è la nostra priorità. Tutto quello che dovete fare ora è quello di entrare in contatto Scrivici (gerardrafinon@gmail.com) WHATSAPP : +33756897323


GIUSEPPE MIGNACCA su AIC Sicilia, Giuseppina Costa e gli sviluppi che avrà sulla popolazione celiaca siciliana il “decreto Razza”:
Spero i medici di base saranno informati di questo protocolo, io ho dovuto pagare per un follow.up richiestomi dalla asl dopo il controllo annuale.


Angelo Carollo su Per far ripartire Trapani non servono sogni, investimenti mastodontici ma serve avere una strategia:
Ricordatevi che se vi promettono il ponte fate attenzione che sotto ci sia il fiume altrimenti avranno la scusa facile per giustificare la promessa non mantenuta


Angelo Carollo su Per far ripartire Trapani non servono sogni, investimenti mastodontici ma serve avere una strategia:
D´accordo con la Signora Monica. Invece Signora Mariarosa tutti faranno di tutto per mantenere lo scalo ma chi ha facoltà decisionale in quello non è di certo il comune di Trapani. Siamo di fronte ad una politica regionale che mira ad accrescere i grossi centri. Di certo nessuno mollerà la questione ma chi le prometterà l´aeroporto stia tranquilla che non ha i poteri per mantenere la promessa.


MR WILLIAMS su IPAB: UGL “IERI SIT-IN, SIAMO CON I LAVORATORI ”:
Enviar esta empresa legítima por correo electrónico; willianloanfirm6@gmail.com, whatsapp +1(214)305-8945, para un pr´stamo real. Recibí mi pr´stamo de ellos despu´s de leer acerca de sus ofertas de pr´stamos aquí en Facebook y mis deudas están completamente resueltas ahora


Mirko Rimessi su L’A.S.D. Polisportiva Saline Trapanesi alla 2^ Placentia Roller Half Marathon:
Ciao, la foto usata è di libero utilizzo (è nostra come organizzatori della gara di Ferrara) vi chiedo però di inserire l’autore Isabella Gandolfi.


Mariarosa su Per far ripartire Trapani non servono sogni, investimenti mastodontici ma serve avere una strategia:
Sono una docente di un liceo di Bergamo e trovo che non fare di tutto per mantenere lo scalo di Birgi sia un vero e proprio scandalo che danneggerebbe il sistema turistico ed artistico di tutto il paese.


Roseline Clinton su Prestiti senza busta paga, alcune opportunità:
Hai bisogno di prestiti aziendali o personali? La nostra azienda è una società legittima. Diamo prestiti a qualsiasi individuo e azienda al tasso di interesse del 2%. Per ulteriori informazioni, contattare l´email: roselineclintonloancompany@gmail.com


patrizia su MAZARA. REALIZZAZIONE E MESSA IN SICUREZZA DI UN TRATTO DI VIA MADONIE:
Email : patrizia.piombi1962@gmail.com Whatsapp/ +33752789461 Avete bisogno di un prestito entro 48 ore di tempo per far fronte alle vostre difficoltà finanziarie? La vostra domanda di credito viene rifiutata dalle banche per mancanza di credibilità? Chi siete e quale sia il problema insieme possiamo trovare la soluzione migliore per voi. Sono un privato esperto di finanziamenti ed investimenti faccio parte di una società riconosciuta a livello internazionale che può assegnarvi il prest


Monica Salini su Per far ripartire Trapani non servono sogni, investimenti mastodontici ma serve avere una strategia:
Aggiungerei: bus elettrici che facciano da navetta tra "chiazza"o ex Piazza Mk pesce e i lidi trapanesi. Dal 1 luglio al 31agosto


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

powered by
First Web