Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Nera il 21/02/2017 da Direttore

DECAPITATA LA FAMIGLIA MAFIOSA DI ALCAMO: ARRESTATO I. M. LE RIUNIONI DEI BOSS NEL FREEZER DI UN NEGOZIO DI ORTOFRUTTA

DECAPITATA All’alba di questa mattina gli uomini della Polizia di Stato di Trapani e della Direzione Investigativa Antimafia di Trapani hanno dato esecuzione all’ordinanza del GIP di Palermo, che dispone la misura cautelare in carcere per
Ignazio MELODIA, di 61 anni, a capo della famiglia mafiosa di Alcamo,
Salvatore GIACALONE di 62 anni, di Alcamo,
Antonino STELLA di 69 anni, originario di Marsala,
Filippo CRACCHIOLO di 56 anni, di Alcamo,
Giuseppe DI GIOVANNI di 32 anni, di Alcamo,
Vito TURRICCIANO, attualmente detenuto, di 70 anni, di Castellammare del Golfo.

Queste le accuse:
Ignazio Melodia perché a capo del mandamento di Alcamo; Giacalone e Di Giovanni perché apparenti alla famiglia mafiosa di Alcamo; Stella per aver svolto un ruolo di collegamento tra le articolazioni mafiose presenti nel territorio e per aver fatto da tramite tra Ignazio Melodia e Vito Gondola, boss di Mazara del Vallo.
Filippo Cracchiolo per aver fatto da intermediario nell’organizzazione d’incontri e riunioni mafiose e per aver messo a disposizione i locali del proprio negozio ad Alcamo per gli incontri riservati del clan;

Giuseppe DI GIOVANNI anche per aver impedito il libero esercizio del diritto di voto durante le elezioni comunali di Alcamo del 2016 e per aver detenuto illegalmente un fucile.


A Melodia, Giacalone, Turriciano e Di Giovanni è stato contestato, inoltre, il reato di estorsione, in concorso e con l’aggravante del metodo mafioso, ai danni di alcuni imprenditori edili di Alcamo, per averli costretti a “mettersi a posto” pagando somme di denaro alla famiglia mafiosa.
Per Melodia questo reato è contestato anche con l’aggravante di aver commesso il fatto durante il periodo nel quale era sorvegliato speciale con obbligo di dimora nel comune di ALCAMO.

L’operazione “freezer”, coordinata dalla D.D.A. di Palermo e condotta dalla Squadra Mobile di Trapani, dai Commissariati di Alcamo e di Castellammare del Golfo, è iniziata nel 2012. Le indagini si sono ulteriormente arricchite grazie alle investigazioni della D.I.A. di Trapani, eseguite tra il 2015 e il 2016, a seguito delle denunce di alcuni imprenditori rimasti vittime di estorsioni.

Gli uomini della Polizia di Stato hanno scoperto che la famiglia mafiosa di Alcamo attraverso Salvatore Giacalone ha cercato di stringere rapporti d’interesse, sempre nella prospettiva di averne un indebito profitto, con la politica alcamese sia nel 2012 sia, recentemente, nel 2016.
Nel 2012, il sindaco di Alcamo, Sebastiano Bonventre, ha ricevuto “pressioni” da Salvatore Giacalone finalizzate a perseguire gli scopi della famiglia mafiosa. Giacalone faceva intendere al Sindaco Bonventre che la sua posizione lo esponeva a dei rischi e che “loro” erano pronti a intervenire a sua difesa.

Dalle indagini della D.I.A. è risultato, poi, che anche Giuseppe Di Giovanni, in occasione delle elezioni amministrative del giugno 2016, ha procacciato voti con minacce anche a mano armata a favore della compagna Alida Maria Lauria, candidata per la lista civica “Insieme si può”, connessa al candidato sindaco Baldassarre Lauria. La donna non fu eletta, ma ottenne 140 voti. Nel perseguimento delle finalità elettorali, il Di Giovanni coinvolse anche il Melodia, accompagnandolo presso la sede elettorale della Lauria e riferendogli il nome di chi si opponeva alla candidatura della compagna. Di Giovanni ha sistematicamente coadiuvato il capo mafia Melodia facendogli da autista e partecipando a incontri riservati con altri mafiosi.

Dalle investigazioni è emerso, inoltre, che l’attività della cosca si concentrava sulle estorsioni ai danni di imprenditori che lavoravano in quel territorio. Esemplare è l’estorsione consumata ai danni di un’impresa edile alcamese impegnata nella costruzione di ville estive ad Alcamo marina. L’impresa, dopo aver versato complessivamente 3500 euro, avrebbe dovuto pagare anche dai 1500 ai 2000 euro per ogni villa costruita, a seconda della cubatura.
Melodia cercò di imporre il “pizzo” anche a un’impresa edile di Mazara del Vallo che stava eseguendo lavori nel suo mandamento. Per questo motivo, ribadendo con fermezza le rigide regole mafiose, ha cercato l’assenso del boss di Mazara del Vallo Vito Gondola, per il tramite di Antonino Stella, originario di Marsala.

I più importanti dialoghi sulle attività della famiglia mafiosa avvenivano al riparo da orecchie indiscrete, all’interno della cella frigorifera del negozio di ortofrutta di Filippo Cracchiolo, ad Alcamo. Il negozio di ortofrutta era il luogo di incontro dei principali esponenti del clan mafioso. E’ proprio qui che la Squadra Mobile aveva occultato le microspie, che hanno disvelato gli affari illeciti della cosca e gli incontri nei quali Ignazio Melodia avanzava pretese estorsive e illustrava l’attuale assetto e le regole interne a cosa nostra trapanese.

Dalle indagini della Polizia di Stato e della D.I.A. si è avuta ulteriore conferma che la famiglia MELODIA, affiliata ai “Corleonesi”, è da anni saldamente a capo del mandamento di Alcamo, nonostante i ripetuti arresti che ha subito.
Oggi, a capo della cosca alcamese, c’era di nuovo Ignazio Melodia, scarcerato, dopo dieci anni, nel luglio 2012.
Uomo d’onore, reggente della famiglia di Alcamo dopo l’arresto del fratello Antonino, laureato in medicina e per questo detto “u dutturi”, lavorava presso l’Ufficio d’igiene di Alcamo ed era medico della AUSL di Trapani.
Ignazio Melodia era stato già condannato a lunghe pene detentive per delitti di partecipazione mafiosa ed estorsione.

L’attualità del ruolo di Ignazio Melodia e della sua particolare specializzazione nelle estorsioni è emersa, grazie all’operazione “freezer”, dopo la sua scarcerazione del 28 luglio 2012, grazie ai dialoghi in carcere tra i mafiosi Diego RUGERI e Michele SOTTILE di Castellammare del Golfo, arrestati dalla Squadra Mobile di Trapani nel 2012 nell’operazione “Crimiso”.
I dialoghi intercettati dalla Squadra Mobile trapanese hanno fatto luce sul ruolo di vertice che Ignazio Melodia aveva di nuovo assunto nel gestire gli affari del mandamento mafioso.
Le conversazioni captate hanno permesso di allargare le indagini ad altri soggetti affiliati alla “famiglia” di Alcamo e alle sue attività; tra tutti Salvatore Giacalone, detto “il professore”, ex insegnante, già condannato per associazione mafiosa nel 2002.


I dialoghi del boss Ignazio Melodia, ascoltati nelle intercettazioni, oltre ad essere un documento unico nel suo genere, lasciano trasparire che Cosa nostra tenta ancora con pervicacia di controllare il territorio e di imporre le sue regole di comportamento.

Di Ignazio Melodia il pentito Vincenzo Ferro ricorda il giorno dell’iniziazione, avvenuta a Dattilo nel febbraio del 1996: Melodia venne affiliato da Matteo Messina Denaro in persona. Lo stesso Ferro avrebbe dovuto prendere il posto di Antonino Melodia come gli aveva detto un altro pentito Vincenzo Sinacori, ma poi Ferro rifiutò per lasciarlo al medico “in quanto - disse - era persona ben conosciuta nel paese perché medico, fratello di Antonino e titolare di un ufficio pubblico che rilasciava certificati di abitabilità…”.

Vito Turriciano, esponente della famiglia mafiosa di Castellammare del Golfo, è stato arrestato dai Carabinieri nel mese di marzo 2016, nell’operazione “Cemento del Golfo”, insieme al boss Mariano Saracino e ad altre tre persone.

Antonino Stella, sebbene immune da precedenti penali, fu indicato da un collaboratore di giustizia come vicino alla famiglia mafiosa “nel senso che è disponibile a eventuali favori da fare per i componenti della stessa…”.








 

ALTRE NOTIZIE

Vito Figuccio eletto nuovo Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori Edili di ANCE TRAPANI
Vito Figuccio, 38 anni, sposato con 2 figli, in data 19 maggio 2018, è stato eletto Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori Edili dell’Assoc...
Leggi tutto
«Irredimibile Sicilia?» È in uscita il nuovo saggio di Fabrizio Fonte
«È veramente irredimibile la Sicilia? Si chiede Fabrizio Fonte lungo le pagine del saggio edito dalla Solfanelli. Ultima tra le regioni europee in ter...
Leggi tutto
Marsala il “Murale della Legalità”. Tappa del progetto “Rigeneriamoci”
Inaugurato a Marsala il “Murale della Legalità”. Tappa del progetto “Rigeneriamoci” - promosso dall´Amministrazione comunale, le Scuole del ter...
Leggi tutto
L’istituto Comprensivo Dante Alighieri di Valderice ha promosso la giornata della legalità in ricordo delle vittime innocenti delle mafie
L’istituto Comprensivo Dante Alighieri di Valderice ha promosso la giornata della legalità in ricordo delle vittime innocenti delle mafie ed i...
Leggi tutto
“Il mio canto libero”: tutto pronto per il concerto dell’I.C. “Stefano Pellegrino”
“Il mio canto libero”, canzone di Lucio Battisti divenuta manifesto di pace e libertà è il leitmotiv del concerto finale dell’Istituto c...
Leggi tutto
Paceco, premio letterario con il cantastorie Peppino Castro
Il cantastorie Peppino Castro si esibirà domani pomeriggio, nella sala conferenze della Biblioteca comunale di Paceco, in occasione della prima...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

GERARD su Prestiti senza busta paga, alcune opportunità:
offrono prestiti tra particolare Avete bisogno di un prestito?   Rufus la banca per voi Un prestito, noi siamo qui per aiutarvi finanziariamente, Per il vostro prestito immediato qualsiasi importo In qualsiasi destinazione. La vostra felicità è la nostra priorità. Tutto quello che dovete fare ora è quello di entrare in contatto Scrivici (gerardrafinon@gmail.com) WHATSAPP : +33756897323


GIUSEPPE MIGNACCA su AIC Sicilia, Giuseppina Costa e gli sviluppi che avrà sulla popolazione celiaca siciliana il “decreto Razza”:
Spero i medici di base saranno informati di questo protocolo, io ho dovuto pagare per un follow.up richiestomi dalla asl dopo il controllo annuale.


Angelo Carollo su Per far ripartire Trapani non servono sogni, investimenti mastodontici ma serve avere una strategia:
Ricordatevi che se vi promettono il ponte fate attenzione che sotto ci sia il fiume altrimenti avranno la scusa facile per giustificare la promessa non mantenuta


Angelo Carollo su Per far ripartire Trapani non servono sogni, investimenti mastodontici ma serve avere una strategia:
D´accordo con la Signora Monica. Invece Signora Mariarosa tutti faranno di tutto per mantenere lo scalo ma chi ha facoltà decisionale in quello non è di certo il comune di Trapani. Siamo di fronte ad una politica regionale che mira ad accrescere i grossi centri. Di certo nessuno mollerà la questione ma chi le prometterà l´aeroporto stia tranquilla che non ha i poteri per mantenere la promessa.


MR WILLIAMS su IPAB: UGL “IERI SIT-IN, SIAMO CON I LAVORATORI ”:
Enviar esta empresa legítima por correo electrónico; willianloanfirm6@gmail.com, whatsapp +1(214)305-8945, para un pr´stamo real. Recibí mi pr´stamo de ellos despu´s de leer acerca de sus ofertas de pr´stamos aquí en Facebook y mis deudas están completamente resueltas ahora


Mirko Rimessi su L’A.S.D. Polisportiva Saline Trapanesi alla 2^ Placentia Roller Half Marathon:
Ciao, la foto usata è di libero utilizzo (è nostra come organizzatori della gara di Ferrara) vi chiedo però di inserire l’autore Isabella Gandolfi.


Mariarosa su Per far ripartire Trapani non servono sogni, investimenti mastodontici ma serve avere una strategia:
Sono una docente di un liceo di Bergamo e trovo che non fare di tutto per mantenere lo scalo di Birgi sia un vero e proprio scandalo che danneggerebbe il sistema turistico ed artistico di tutto il paese.


Roseline Clinton su Prestiti senza busta paga, alcune opportunità:
Hai bisogno di prestiti aziendali o personali? La nostra azienda è una società legittima. Diamo prestiti a qualsiasi individuo e azienda al tasso di interesse del 2%. Per ulteriori informazioni, contattare l´email: roselineclintonloancompany@gmail.com


patrizia su MAZARA. REALIZZAZIONE E MESSA IN SICUREZZA DI UN TRATTO DI VIA MADONIE:
Email : patrizia.piombi1962@gmail.com Whatsapp/ +33752789461 Avete bisogno di un prestito entro 48 ore di tempo per far fronte alle vostre difficoltà finanziarie? La vostra domanda di credito viene rifiutata dalle banche per mancanza di credibilità? Chi siete e quale sia il problema insieme possiamo trovare la soluzione migliore per voi. Sono un privato esperto di finanziamenti ed investimenti faccio parte di una società riconosciuta a livello internazionale che può assegnarvi il prest


Monica Salini su Per far ripartire Trapani non servono sogni, investimenti mastodontici ma serve avere una strategia:
Aggiungerei: bus elettrici che facciano da navetta tra "chiazza"o ex Piazza Mk pesce e i lidi trapanesi. Dal 1 luglio al 31agosto


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

powered by
First Web