Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Sport il 15/12/2016 da REDAZIONE REGIONALE

RAPPORTO MCLAREN – URSO: “PESISTICA UMILIATA. ESCLUSIONE NON RISOLVERÀ I PROBLEMI”

“Il rapporto McLaren umilia la Pesistica”. A pochi giorni dalle rivelazioni shock della seconda parte del rapporto sul doping di stato, che vede coinvolti più di 30 sport e oltre 1000 atleti russi di specialità olimpiche estive, invernali e paralimpiche, il Presidente della FIPE e della Federazione Pesistica Europea, Antonio Urso, si esprime con parole dure. “Purtroppo il 2016 è stato l’anno peggiore per il nostro sport. Il Report uscito in questi giorni non dice purtroppo nulla di nuovo perché già tempo fa scrivevo di risultati non umani e tanto meno chiari: nel 2008, nel 2009 e nel 2010, in tre editoriali per il magazine della Federazione Europea, sottolineavo infatti come il doping fosse fuori controllo. Purtroppo in quell´occasione alcune persone mi attaccarono, dicendo che ero io a rovinare il sollevamento pesi: oggi però quelle stesse persone possono constatare quello che è sotto gli occhi di tutti e cioè che il doping ci sta realmente distruggendo”.

Moltissimi i medagliati del sollevamento pesi ad essere colti in fallo nei retest, il che potrebbe portare addirittura all´esclusione di questo sport dai Giochi: “Non possiamo perdere il nostro posto alle Olimpiadi, la Pesistica non sarebbe più nulla” avverte Urso, che nel suo percorso di Presidente dell´EWF ha fatto scelte importanti, decidendo di includere la Russia all´interno del direttivo della Federazione Europea, per cominciare un cammino nuovo, che la facesse uscire fuori dal suo ombroso passato: “La storia ci insegna che quando c’è esclusione non c’è soluzione, quindi io sono contrario all´allontanamento di questa Nazione dalle Olimpiadi. Così come sono contrario all´esclusione della Pesistica, perché le Nazioni pulite prenderebbero doppia sanzione: gli verrebbero precluse le medaglie e si vedrebbero esclusi dalla più importante competizione internazionale. A questo punto una presa di posizione del CIO credo sia determinante, insieme con l’attuazione di un progetto di integrazione e condivisione da sviluppare nelle Nazioni che hanno avuto problemi di doping. Quel che è certo è che il problema doping non si può risolvere immediatamente, ci vogliono tempo e pazienza, ma anche un progetto attuabile”.
 
Secondo il Presidente Urso tutto dovrebbe partire da un sistema antidoping efficace, e che invece ha evidenziato delle pecche: “Se è vero che il sistema antidoping di alcune Nazioni lascia spazio a varie interpretazioni, non si capisce perché i controlli interni in altri laboratori abbiano dato esito negativo. Mi sorge una domanda: i controlli sono validi ed efficaci o sono i meccanismi di cui ci dobbiamo preoccupare? Perché non è possibile che, tra Londra e Pechino, ben 75 atleti siano stati trovati positivi al Turinabol, un ormone che veniva utilizzato nella vecchia Germania dell’Est. Com´è possibile che il nostro sistema antidoping non sia stato in grado di scoprire questo prodotto così vecchio, che tra l’altro rimane nel sangue e nelle urine per moltissimo tempo? O stiamo spendendo un sacco di soldi per un sistema antidoping che non funziona oppure in alcuni Paesi i controlli si scontrano contro altri tipi di barriere”.
 
Secondo Antonio Urso l’unico modo di sopravvivere e migliorarsi è quello di accettare una nuova visione dello sport a livello nazionale e internazionale. “Ho pieno rispetto per l´IWF ma abbiamo bisogno di intraprendere un nuovo percorso” afferma Urso, che sottolinea come il futuro della disciplina dipenda fortemente dall´esito delle elezioni al vertice della Federazione Internazionale che si terranno a maggio prossimo. Tante le cose da modificare: “Non c’è dubbio, la necessità di cambiamento più grande riguarda la cultura dell’allenamento: in caso di doping dei loro atleti occorre considerare responsabili i tecnici e punirli. Attualmente non abbiamo sanzioni per allenatori, dottori e fisioterapisti, mentre invece la più grande responsabilità in materia ce l’hanno proprio loro”. La Federazione Europea ha intenzione di creare un’unica accademia tecnica dove gli allenatori possono ottenere le qualifiche per tre differenti livelli: nazionale, continentale e internazionale: “Dobbiamo parlare tutti la stessa lingua, imparare la stessa tecnica, fare lo stesso percorso di crescita. Da otto anni l’EWF sta spingendo verso il cambiamento della cultura degli allenatori, che sono la chiave per il futuro del nostro sport. I risultati degli atleti non sono altro che la conseguenza del lavoro dei tecnici, non il contrario. Se vogliamo che il sollevamento pesi diventi uno sport popolare non abbiamo bisogno di un atleta che solleva 300 chili, ma abbiamo bisogno di 10 atleti che ne sollevano 200".

 

ALTRE NOTIZIE

Santi (Federagenti): “Sui dragaggi forse è davvero arrivata la svolta”
Soddisfazione per la Direttiva del Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibili “Possiamo dire che la nave ha mollato gli orme...
Leggi tutto
Recuperate tre anfore antiche a Mondello (PA): Samonà: “Il mare continua a regalarci frammenti di storia”
Tre anfore romane, databili tra il II sec a.C. e il II sec d.C. del tipo Dressel 2/4 con bordo arrotondato e anse bifide, sono state rinvenute nello s...
Leggi tutto
Isole Egadi e Pantelleria Covid free Tumbarello (Uil Trapani): “Vaccinare tutti per tutelare la salute e rilanciare il turismo”
Anche la Uil Trapani a sostegno della proposta di rendere la popolazione delle isole minori siciliane immune al Covi...
Leggi tutto
Il Comune di Trapani vuole realizzare il Parco Naturalistico della Nave Romana di Marausa
In occasione dell’incontro istituzionale tenutosi lo scorso dicembre presso il Comune di Trapani con l’assessore reg...
Leggi tutto
Pallavolo Marsala, Soverato amara per la Sigel. Calabre rifilano un secco tre set a zero
Raccoglie una nuova battuta d´arresto, terza complessiva di questa post-season, la Sigel che ha fatto tappa nel matc...
Leggi tutto
Report Confcommercio sull’usura, Di Dio: “Liquidità e sostegni adeguati indispensabili per aiutare le aziende più fragili al sud
Con il Covid 19 c’è una forte crescita dell’usura (+ 14 punti percentuali rispetto al 2019): a indicarlo &egr...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web