Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 09/11/2015 da Gaetano Maria Messina

VIAGGIANO PER LE VIE DI ALCAMO QUASI COME UN SUPERMERCATO AMBULANTE MA VENGONO FERMATI E DENUNZIATI ALL’AUTORITÀ GIUDIZIARIA

VIAGGIANO
Viaggiano per le vie di Alcamo quasi come un supermercato ambulante ma vengono fermati e denunziati all’Autorità Giudiziaria. E’ quanto accaduto nell’appena decorso fine settimana a due rumeni. I due, in tarda serata, intorno alle 22,00 circa viaggiano a bordo di una Mercedes Classe A di colore grigio chiaro metallizzato, nei pressi dello svincolo di Alcamo Est, precisamente sulla bretella della Strada Provinciale 55, quando vengono fermati, visto il loro procedere sospettoso, e controllati da una pattuglia della Polizia Stradale di Marsala. Alla guida il conducente I.N.A., di 36 anni, risultava guidare senza patente, oltre ad essere pregiudicato per porto abusivo di armi e reati contro il patrimonio. Il passeggero C.I. di 56 anni, anch’esso rumeno, risultava anch’esso pregiudicato per furto aggravato, ricettazione nonché gravato da Avviso Orale del Dirigente del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Alcamo ed inoltre da provvedimento di divieto di rientro nel Comune di Alcamo. Visti i precedenti penali e di polizia, l’equipaggio della Stradale, con l’ausilio diuna pattuglia del Distaccamento di Castelvetrano, giunta in ausilio, eseguiva un controllo sulla persona estendondola al mezzo. All’esito del controllo, si appurava che all’interno del veicolo erano custoditi dei grossi sacchi neri di plastica (quelli ordinariamente utilizzati per i rifiuti) che occultavano al loro interno generi alimentari, vestiario e un gran numero di bottiglie di alcolici. Alla richiesta di una spiegazione sul contenuto dei sacchi o, quantomeno, una documentazione di natura fiscale, sia pure uno scontrino, i due rumeni apparivano piuttosto in imbarazzo e non riuscivano a dare una lecita spiegazione sulla provenienza di tale merce. Così, i poliziotti decidevano di approfondire le indagini e gli stessi cercavano vaghe giustificazioni, asserendo di avere acquistato il tutto, presso mercati in nero da propri connazionali , nelle località di Aragona, Vittoria, Gela, Licata, Alcamo e in altri comuni della Sicilia. Proseguivano riferendo che tale merce, acquistata per una cifra intorno alle 1.200,00 Euro, sarebbe stata rivenduta ad altri rumeni, lucrando sulle somme al momento della vendita. Nel contempo, accompagnati presso gli uffici della vicina Sottosezione Autostradale di Alcamo, giungeva la proprietaria dell’autovettura, I.D., di anni 31 e moglie del conducente, la quale dichiarava di essere a conoscenza dell’utilizzo del veicolo da parte del marito. All’interno dei sacchi venivano rinvenute 190 grosse pezzature tra parmigiano e grana, 26 confezioni di notevole peso tra provole, salami, pancetta, mortadella e alcune confezioni di wurstel, 320 scatole di tonno, 50 confezioni di caffè, 22 bottiglie di superalcolici e poi ancora pasta, detersivi, bagni schiuma, shampoo, ortaggi vari (zucchine, pomodori etc), frutta nonché carni fresche, e per finire non mancava il cibo per gatti e gli antiparassitari per cani. Oltre gli alimentari anche l’abbigliamento faceva parte del mercatino ambulante, costumi da bagno e scarpe da ginnastica. Informata la Procura della Repubblica di Trapani, la vicenda si è conclusa con il sequestro della merce, dopo aver fatto intervenire un medico per verificare se la stessa potesse essere ancora destinata al consumo umano, ed accertare se la “catena del freddo” fosse stata interrotta. Ad eccezione delle carni e dei salumi per i quali si è dovuto procedere alla distruzione, la merce deperibile ma ancora consumabile è stata donata ad una fondazione umanitaria no profit di Mazara del Vallo, e sarà destinata a persone bisognose. La merce, invece, senza rischio di deterioramento è stata sottoposta a sequestro. Oltre al fermo amministrativo del veicolo, l’epilogo della vicenda per i cittadini rumeni protagonisti della vicenda è il loro deferimento all’Autorità Giudiziaria, a vario titolo, per ricettazione, incauto affidamento e guida senza patente. Nel contempo, anche su indicazione della Procura della Repubblica, sono state avviate ulteriori indagini presso alcune provincie siciliane per verificare se tutto il materiale sia compendio di furto e da dove siano stati asportati tutti i vari generi alimentari.

 

ALTRE NOTIZIE

JUNIOR ACHIEVEMENT ITALIA E FONDAZIONE EY ITALIA ONLUS PROTAGONISTI AL PROGRAMMA TV DI RAI 2 “L’ITALIA CHE FA”
Junior Achievement, la più vasta organizzazione non profit al mondo dedicata all’educazione economicoimpren...
Leggi tutto
ESERCITO: CONCLUSA IN PROVINCIA DI TRAPANI LA CAMPAGNA “INSIEME PER LA SOLIDARIETA’”
Il Comando Esercito Sicilia, l’Associazione Nazionale Bersaglieri e del Nastro Verde ed i Bersaglieri della Brigata “Aosta”, distribuiscono masche...
Leggi tutto
GIBELLINA, NELLA CITTÀ D´ARTE FLASH MOB PER DIRE NO ALLA VIOLENZA E AL RAZZISMO
Un flash mob per dire no al razzismo e a ogni forma di violenza. 
Leggi tutto
CREMONAMUSICA PRESENTA LA NUOVA PIATTAFORMA MFCLASSROOMS PER LEZIONI DI MUSICA ONLINE
Progetto di MusicaFelix e dbStrings, realizzato da UbyWeb&Multimedia
Leggi tutto
“Città pulita” Lavoro socialmente utile per i cittadini con difficoltà economiche individuati per ripulire spiagge e aree urbane
Controllo anti assembramento bagnanti per 35 cittadini del progetto “Città pulita” Leggi tutto
La società Mazara calcio al lavoro per costruire una squadra forte e competitiva
Finito lo scorso campionato regionale di Eccellenza, girone A, la società canarina non si è mai fermata. Il presidente Davide Titone dop...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web