Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 07/11/2015 da REDAZIONE REGIONALE

Sud-Nord: eppur si emigra, ancora by vivisicilia · 4 novembre 2014

Sud-Nord:
Il primo Rapporto sulle migrazioni interne realizzato dall’Istituto di studi sulle società del Mediterraneo del Cnr approfondisce un fenomeno che con la crisi ha ripreso vigore e coinvolge oltre un milione e mezzo di persone: soprattutto badanti, braccianti, professori, studenti. Lo spostamento dal Mezzogiorno interessa oltre 200 mila persone, in cerca di lavoro e migliore qualità della vita: Campania, Trentino-Alto Adige ed Emilia Romagna le regioni in proporzione più coinvolte.

L’argomento delle ‘migrazioni interne’ in Italia nel dibattito pubblico è ampiamente sovrastato da quello degli arrivi di stranieri. Emerge solo occasionalmente, in riferimento al dualismo economico e sociale Nord-Sud, senza che se ne affrontino nel profondo le dinamiche. Per la prima volta uno studio scientifico annuale si dedica interamente a questo tema: ‘L’arte di spostarsi. Rapporto 2014 sulle migrazioni interne in Italia’, curato da Michele Colucci e Stefano Gallo dell’Istituto di studi sulle società del Mediterraneo del Consiglio nazionale delle ricerche (Issm- Cnr). Ne emergono tre aspetti principali: il fenomeno coinvolge un milione e mezzo di persone nel 2012; il primato di Emilia-Romagna e Trentino-Alto Adige come destinazioni e della Campania come regione di partenza; l’altissima mobilità degli stranieri; l’importanza delle politiche pubbliche nel definire gli spostamenti. Il volume verrà presentato domani mercoledì 5 novembre, presso la sede centrale del Cnr (piazzale Aldo Moro 7, Roma, ore 10,30 aula Giacomello). “Le migrazioni interne all’Italia hanno una lunga storia ma negli anni più recenti, a seguito della crisi economica, hanno ripreso vigore e intensità”, spiega Colucci. “Nel 2012 sono 1.556.000 le persone che hanno cambiato il proprio comune di residenza. Rispetto alle migrazioni della seconda metà del secolo scorso, le più potenti ‘calamite’ non sono Piemonte e Lombardia ma Emilia-Romagna e Trentino, in proporzione alle dimensioni. La prima ha ‘guadagnato’ 10.273 persone dal resto d’Italia, pari a un aumento del 2,4 per mille abitanti, il Trentino conta +3.004 persone, pari al 2,9 per mille”. L’attrattiva dell’Emilia-Romagna è confermata dal primato nelle tre province di Bologna, Rimini e Parma “che presentano un saldo migratorio positivo molto elevato (Bologna +4.131 persone, Rimini +1.271, Parma +1.268)”, prosegue il ricercatore Issm-Cnr. “La regione è scelta come meta privilegiata sia per le sue opportunità lavorative, sia per la qualità dei servizi che offre: nelle motivazioni alla base delle partenze c’è in testa la ricerca dell’occupazione o di un lavoro migliore, ma cresce il miglioramento della qualità della vita e questo secondo elemento differenzia il fenomeno attuale da quello dell’ultimo dopoguerra”. In termini assoluti invece le quattro regioni con il maggior incremento demografico dovuto alle migrazioni interne sono Lombardia (+14.773), Lazio (+10.382), Emilia-Romagna (+10.273) e Toscana (+6.591). La provincia di Roma continua a essere un polo attrattivo e registra un saldo positivo di quasi 10.000 persone.Il primato negativo va invece a Napoli e alla Campania e anche tra le aree di provenienza dei migranti interni, quindi, si registra un cambiamento rispetto ai decenni scorsi. “Il valore medio degli spostamenti nel biennio 2011-2012 ci segnala che sono circa 25.000 i cittadini campani ‘perduti’ per trasferimenti in altre regioni italiane, un dato pari al -4,3 su mille abitanti. Seguono Puglia (-10.850 persone e -2,7‰), Sicilia (-9.910 e -2,0‰) e Calabria (-8.031 e -4,1‰). Tra le province del Mezzogiorno, i saldi negativi più elevati in proporzione ai residenti si registrano a Napoli (-6,1 ‰) e Vibo Valentia (-6,7‰), Reggio Calabria (-5,3‰), Caltanisetta e Foggia (-5,2‰), e Crotone (-5,1‰)”, spiega Gallo. “Gli spostamenti dal Sud al Centro-Nord nel 2012 sono aumentati, raggiungendo 202.000 persone”. Ma chi sono i migranti interni? “Gli stranieri, che tendono a spostarsi in proporzione maggiore: sono stati 258.871 nel 2012 a cambiare residenza, con un tasso di mobilità triplo rispetto agli italiani: il 64,3 per mille contro il 21,6, ma su distanze più brevi, 96 km di media contro 126 km degli italiani. Le donne straniere tra i 50 e i 64 anni in particolare presentano tassi di mobilità elevatissimi, legati al lavoro di cura e domestico, in continuità con un dato presente fin dagli anni del miracolo economico”, specificano i ricercatori. Un altro comparto in cui la manodopera migrante è determinante è l’agricoltura, coinvolgendo Campania, Calabria, Puglia, Sicilia e Piemonte. “Le migrazioni coinvolgono poi insegnanti e studenti fuorisede spesso coinvolti in dinamiche ad alta frizione che chiamano direttamente in causa la politica”, conclude Colucci. “Questo primo Rapporto si basa su un innovativo approccio multidisciplinare, senza il quale non è possibile penetrare in un fenomeno così ricco. I dati rilevanti, peraltro, sono spesso sovrapponibili a quelli dei rapporti curati dal Sole24Ore o da Legambiente su qualità della vita urbana e servizi”.

Tabelle riepilogative delle migrazioni interne rispetto alle provincie più segnate dal fenomeno in proporzione al numero di abitanti residentiSaldo migratorio medio delle regioni italiane 2011-2012, su 1000 abitanti e totale
Trentino-A. Adige 2,9 +3.004
Emilia-Romagna 2,4 +10.273
Lazio 1,9 +10.382
Toscana 1,8 +6.591
Friuli-V. Giulia 1,7 +2.113
Lombardia 1,5 +14.773
Valle d’Aosta 1,5 +194
Liguria 0,9 +1.407
Piemonte 0,9 +3.976
Umbria 0,9 +824
Veneto 0,4 +2.121
Marche 0,3 +448
Abruzzo 0,2 +227
Molise – 0,5 (-145)
Sardegna -0,5 (-801)
Sicilia -2,0 (-9.910)
Puglia -2,7 (-10.850)
Basilicata -2,8 (-1.644)
Calabria -4,1 (-8.031)
Campania -4,3 (-24.952)

Saldo migratorio interno medio delle prime dieci province italiane di destinazione:2011-2012, su 1000 abitanti e totale
Bologna +4,2 (4.131)
Rimini +3,9 (1.273)
Monza-Brianza +3,3 (2.654)
Pavia +3,3 (1.744)
Trento +3,2 (1.688)
Como +3,1 (1.793)
Parma +3,0 (1.268)
Pisa +2,9 (1.189)Lucca +2,9 (1.111)
Firenze +2,8 (2.712)

Saldo migratorio interno delle prime dieci province italiane di partenza:valore medio annuo 2011-2012, su 1000 abitanti e totale
Vibo Valentia -6,7 (-1.096)
Napoli -6,1 (-18.549)
Reggio di Calabria -5,3 (-2.924)
Foggia -5,2 (-3.231)
Caltanissetta -5,2 (-1.421)
Crotone -5,1 (-877)
Nuoro -4,4 (-700)
Taranto -3,8 (-2.200)
Catanzaro -3,1 (-1.113)
Medio-Campidano -3,1 (-314)

Indicatori sulle migrazioni interne negli ultimi 30 anni:
valori medi annui 1981-82 / 1991-92 / 2001-02 / 2011-12
Numero spostamenti 1.128.938 1.068.161 1.178.282 1.457.182
Età media (anni) 29,3 31,4 33,3 35,1
Distanza media (km) 163 151 147 121


 

ALTRE NOTIZIE

Marsala, traffico veicolare Cisl “subito interventi contro il rischio di incidenti in via A. Damiani”
“Quali interventi ha programmato l’amministrazione comunale sul fronte del piano del traffico veicolare, soprattutto in zone che si trovano in prossim...
Leggi tutto
Prevenzione delle dipendenze: a Marsala istituzioni, esperti, studenti e associazioni per fare il punto sulle attività del progetto “Non Cadere nella Trappola”
Si terrà giovedì 21 novembre alle 9.30 dalle 13 al Complesso Monumentale San Pietro di Marsala il meeting conclusivo del progetto "Non c...
Leggi tutto
Rete Sociale Attiva e Sinalp ZTL necessità per i palermitani?
Come al solito ogni fine anno probabilmente la Giunta comunale di Palermo si accorge che il bilancio della Città risulta essere negativo e si p...
Leggi tutto
Nello spazio il ricercare dio è il motivo intimo dell´esistere. “Un ovale marmo perlato su panorama” dell’artista Turi Simeti collocato nella sua città Natale di Antonio Fundarò
“Un ovale marmo perlato su panorama” dell’artista Turi Simeti è stato collocato nella sua città Natale (di Cielo e della “Rosa fresca Au...
Leggi tutto
Paceco, sospeso temporaneamente il servizio di raccolta dei rifiuti organici
A causa della chiusura degli impianti in Sicilia, da oggi è sospesa anche a Paceco la raccolta della frazione organica (umido). Abbiamo un ser...
Leggi tutto
Fatture non pagate da ArcelorMittal: al via presidio dei lavoratori
La situazione a Taranto è critica: in questo momento diversi mezzi pesanti si sono schierati davanti alle portineria dello stabilimento siderur...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


Mickey su EVENTO REDDITO DI CITTADINANZA E QUOTA 100, DOMENICA 24 FEBBRAIO A CAMPOBELLO:
Certo facendo assistenzialismo con i soldi di chi lavora


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web