Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cronaca il 17/03/2015 da REDAZIONE REGIONALE

MARSALA CHE VAI …... SCAFFA CHE TROVI

MARSALA
Mi è capitato di leggere un simpatico articolo, pubblicato sulla Repubblica di alcuni anni fa, circa la sostanziale differenza tra una buca del manto stradale e la famigerata scaffa siciliana. Se una buca è una entità geometrica più o meno grande, stando attenti possiamo evitare di prenderla; la scaffa, invece, a detta del nostro amico scrittore, è lei che ti prende perché è impossibile evitarla. Cioè le strade siciliane sono tutta una scaffa! Alla luce di questa chiarificatrice esposizione mi sono chiesto: ma è proprio così? Anche Marsala è tutta una scaffa? Lì per lì mi sono detto no!, non può essere. Poi a mente fredda ho rivisto la mia posizione e mi sono ricreduto. Sì! Marsala è tutta una scaffa! No, non mi riferisco alla rete stradale, che per vero è veramente ridotta male, più in generale mi riferisco a tutte quelle cose di cui potevamo vantarci e che sono sprofondate in una enorme, immensa SCAFFA! Se è vero, come è vero, che c´è gente che muore in incidenti stradali provocati dalla scassatissima rete stradale del nostro territorio, in alcuni momenti più simile a tumultuosi torrenti adatti al rafting, è anche vero che tutti noi stiamo morendo, che la città di Marsala è una città morta vivente: una città ZOMBIE! Una città dove il senso civico ce lo siamo messi sotto le scarpe, una città dove abbiamo delegato la gestione della cosa pubblica a persone di vedute limitate, che non guardano più in la del loro naso, che si sono accontentate di barcamenarsi tra i quaquaraquà di Palazzo delle Aquile e lo stuolo dei yes-man al seguito. Amministratori che piuttosto che ascoltare gli altri amano ascoltarsi, parlarsi addosso, senza uno straccio di umiltà, di moralità, di sentimento civico di chi è chiamato a testimoniare la storia della città. In questa enorme grande scaffa abbiamo trovato un sacco di cose. In primis, e non è poco, la “monnezza”. E che monnezza! Roba da ricchi, monnezza che costa alla collettività la bellezza di 15 – dico quindici – milioni di euro l´anno più altri due milioncini per la raccolta in zone non previste dal contratto. Chi ha stipulato il contratto deve essere proprio un gran bel volpino!!!!! Ma andiamo avanti con i reperti della nostra scaffa: il lungomare! Parola grossa per chi crede di trovare una passeggiata a mare pavimentata, illuminata, protetta da un bel muro e perché no scendere sulla spiaggia sotto il famigerato e ancora incompiuto monumento ai mille. Da Capo Boeo, tra le tombe puniche in uno stato di abbandono pietoso – è sparito anche il cartello che indicava il sito (forse è meglio così) – fino al porto, si possono ammirare delle stupende sculture di alghe. Si perché hanno detto che le alghe sono rifiuti speciali e non si possono toccare. Non c´è stato uno tra tutti i consiglieri, assessori, sindaci, dirigenti, impiegati e chi più ne ha più ne metta, che abbia avuto la voglia di andare a verificare le nuove normative. Non sia mai, metti che si possono utilizzare, che so io, per produrre energia da biomassa insieme a tutti gli altri materiali presenti sul territorio (legname da ardere ,residui agricoli e forestali ,scarti dell´industria agroalimentare, reflui degli allevamenti, rifiuti urbani, specie vegetali coltivate per lo scopo, vinacce, sfalci di potatura ecc.) e per questo correre il rischio di far diventare Marsala una smart city tipo Gussing? Si, va bè! Ma che ne sanno di Gussing i nostri quaquaraquà? Niente, zero, deserto totale. Non ci arrivano proprio a capire che i nostri 450 ettari di terreni abbandonati, una volta recuperati e a fronte di una oculata riforestazione, permetterebbero di destinare alla produzione di biomasse notevoli quantità di materie prime e contemporaneamente migliorare la qualità dell´aria che respiriamo. Per non parlare del versante nord della città dove trovi, tra un circo e un altro, il parco della Salinella a toccare il quartiere di Sappusi. E no! Che volete parlare di Sappusi? Per non farlo vedere agli ipotetici ignari turisti che dovessero entrare a Marsala dalla provinciale, sono riusciti a fare l´unica rotatoria al mondo talmente ingarbugliata che bisognerebbe metterci un vigile per dirigere il traffico. Un vigile? Razza estinta ormai, meglio il fai da te con l´immancabile pettorina con su scritto ausiliario del traffico, buono solo a fermare le macchine all´uscita dei bambini da scuola. E ti pare poco? Dicevo di Salinella, un parco di nove ettari ormai in stato di abbandono. E sai che pensata aveva fatto la vecchia amministrazione? Aveva aperto un bando per la concessione di ben 3 – dico tre – chioschi di quattro metri per tre autorizzati alla somministrazione di bevande e quant´altro con il solo scopo di mollare la patata bollente della manutenzione a tre poveri cristi che si sarebbero dovuti cuccare tre ettari di parco ognuno. Chi ha fatto questa pensata deve essere parente di quell´altro bel volpino!
Poi? Che abbiamo ancora? Beh! Non dovete perdervi le cattedrali nel deserto realizzate con i nostri soldi e poi lasciate a marcire nel più completo abbandono. Non so se avete presente il “CENTRO CARNI” all’incrocio tra le contrade San Silvestro e Ciancio, e il nuovo “MERCATO ITTICO”?. La parola che più ricorre in tutto ciò è “nuovo”, perché quando girava la lira bisognava modernizzarsi, e allora vai con i grandi progetti, peccato che poi nessuno si è preso la briga di controllare, verificare sia i costi che la progettazione. Ed ecco a voi il risultato: il centro carni non ha mai funzionato, cannibalizzato all’inverosimile dai soliti ignoti?; il mercato ittico idem, in più vittima di una progettazione fatta da un ubriaco che ha predisposto una rampa di accesso al piano superiore della larghezza di una panda, e una volta arrivati sù vi accorgete che non c’è la rampa di discesa né uno spazio per fare manovra. Le porte delle celle frigorifere non consentono il passaggio di un pallet per la loro ridotta dimensione. E poi ancora e ancora e ancora …… Annunci disattesi, accordi di programma mai attuati come il caso delle aviorimesse dell’idroscalo Marsala Stagnone, le uniche superstiti in Italia progettate e realizzate dall’architetto Pier Luigi Nervi. Il protocollo di intesa tra il Ministero della Difesa e l’Amministrazione Comunale si è dissolto come neve al sole. Nell’arco di un lustro, attraversato da differenti amministrazioni, ognuno ci ha messo del suo per non concludere niente, come sosteneva Tomasi di Lampedusa nel Gattopardo: “ I siciliani non vorranno mai migliorare per la semplice ragione che credono di essere perfetti: la loro vanità è più forte della loro miseria, ogni intromissione di estranei sia per origine sia anche, se si tratti di Siciliani, per indipendenza di spirito, sconvolge il loro vaneggiare di raggiunta compiutezza, rischia di turbare la loro compiaciuta attesa del nulla”. Sono nauseato al solo pensiero di elencare ancora tutto lo sfacelo che ci circonda. E allora che possiamo fare noi poveri peones, recarci ancora una volta a votare? Chi! Uno dei tanti candidati che ci propinerà un programma elettorale zeppo di buoni propositi, di promesse e di luoghi comuni? (sembra siamo arrivati a quindici aspiranti alla poltrona di Sindaco). No, signori miei. Il problema non è il programma, il nocciolo della questione è “come si intende e con chi si intende procedere per realizzarlo?” Cari candidati sindaci, al di là delle buone intenzioni dovete dirci esattamente come opererete. Perché noi ormai non vi crediamo più! A me personalmente piacerebbe che Marsala avesse un moto di orgoglio, uno scatto di reni di tutti i cittadini che volessero cimentarsi alla realizzazione di una città con la C maiuscola. Una città proiettata al futuro, che abbia la capacità di attrarre risorse e investimenti, una città che non si culli tra gli “amarcord” perché non c’è cosa peggiore del vecchio adagio “Ah come si stava meglio quando c’era lui!” (chiunque fosse il lui). Fuggiamo dalla mediocrità e alziamo la testa una volta tanto.

Marsala, lì 17/03/2015

Giancarlo Montesano

Commenti
17/03/2015 - E A TRAPANI COSA DOVREMMO DIRE DI UNA CITTA´ SPORCA, LURIDA, ABBANDONATA, INDECOROSA, DEGRADATA, CON LE STRADE PIENE DI VORAGINI E MALAMENTE RATTOPPATE DA PERSONE CHE NON HANNO NEMMENO L´IDEA DI COME SI RATTOPPA UNA STRADA, DI AIUOLE PIENE DI ERBACCE E MAI PULITE PERCHE´ I GIARDINIERI DEL COMUNE, PIAZZATI DAI POLITICI DI TURNO, TUTTO POTREBBERO FARE TRANNE CHE LAVORARE, ESATTAMENTE COME GLI SPAZZINI CHE NON SCOPANO PIU´ LE STRADE DA QUANDO E´ FINITA LA SINDACATURA FAZIO !!!!!!!!!!!!! (VITO)

 

ALTRE NOTIZIE

A Salemi le Giornate europee del patrimonio Arte, incontri e percorsi nel borgo
Arte, incontri, percorsi. Sono i tre elementi che caratterizzeranno il sabato ´del borgo´ a Salemi. Domani, 21 settembre, il centro storic...
Leggi tutto
L’occhio del critico d’arte Paolo Battaglia La Terra Borgese sull’ultimo saggio di M. Donato Cosco, Alda Merini - Da Gerico a Dio, Ursini Edizioni.
Mentre Pordenonelegge, e un bagno di folla accoglie Pippo Baudo, Paolo Battaglia La Terra Borgese scrive del libro d...
Leggi tutto
Alia – Valledolmo: “Sulle orme dei giganti”. Alla scoperta del megalitismo dell’entroterra siciliano
In occasione dell’equinozio d’autunno, domenica 22 settembre 2019, II archeo-passeggiata “Menhir pizzo della Madonna – Tholos della Gurfa”. L’ iniziat...
Leggi tutto
Iva per le autoscuole: dialogo M5S aperto tra Palermo e Roma per affrontare la questione
“Autoscuole: dall’esenzione totale dell’Iva siamo passati direttamente all’introduzione dell’Iva al 22 per cento per le patenti e il recupero retroatt...
Leggi tutto
Un siciliano al Mondiale Karting di Lonato
Angelo Lombardo e la VRT in gara con ambizioni nella kz2 al South Garda Karting. Venerdi si disputano le prove di qualificazione, sabato e domenica ma...
Leggi tutto
La società Mazara calcio comunica il costo dei biglietti per la gara di domenica con il Don Carlo Misilmeri
La società Mazara calcio comunica che per la gara di campionato MAZARA – DON CARLO MISILMERI, (valevole per la seconda giornata del torneo di e...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


Mickey su EVENTO REDDITO DI CITTADINANZA E QUOTA 100, DOMENICA 24 FEBBRAIO A CAMPOBELLO:
Certo facendo assistenzialismo con i soldi di chi lavora


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web